Tra tortelli e castelli: tre tappe tra Ferrara, Coronella e Mantova

Home/Itinerari del gusto/Itinerari del gusto Emilia-Romagna/Tra tortelli e castelli: tre tappe tra Ferrara, Coronella e Mantova

Tra tortelli e castelli: tre tappe tra Ferrara, Coronella e Mantova

L’itinerario: Ferrara – Coronella – Mantova

Un mini tour con il naso all’aria, ideale da fare in bici e macchina

Il percorso inizia con una visita del castello Estense di Ferrara e delle sue cucine, testimoni di antichi sfarzosi banchetti di cui si tramandarono prelibate ricette che ancora possiamo gustare nelle sagre della provincia come quella del caplaz di Coronella, frazione di Poggio Renatico, per terminare nelle cucine del castello di Mantova in cui la zucca potrebbe essere arrivata con la dote di Isabella d’Este, sposa emigrata alla corte dei Gonzaga, anch’essa di grande peso (anche gastronomico) nel panorama del rinascimento padano. Il filo conduttore è l’utilizzo dell’umile zucca.

Mezzi consigliati: In bici, a piedi, in macchina.

Tra tortelli e castelli: tre tappe tra Ferrara, Coronella e Mantova

tappaTAPPA 1: Ferrara

Prodotto tipico: Cappellacci di Zucca

itinerario 17 - t1 - 01 Nei numerosi negozi di pasta fresca si possono acquistare le paste ripiene e soprattutto i caplaz con la rinomata zucca violina. Dopo gli acquisti gastronomici bisogna assolutamente visitare il Castello di Ferrara, la cui costruzione come fortificazione, iniziò nel 1385 su progetto di Bartolino da Novara, e solo in seguito divenne prestigiosa dimora. Le aree visitabili sono le cucine, gli splendidi saloni affrescati, un giardino pensile, le inquietanti prigioni e spesso, mostre d’arte temporanee. Con la bici si può raggiungere il Monastero di S. Antonio in Polesine con le caratteristiche vie realizzate a ciottoli e in parte coperte (via delle Volte) che erano gli antichi “fondachi” (case magazzini) dei mercanti medievali.

tappaTAPPA 2: Coronella

Prodotto tipico: Cappellacci di Zucca

itinerario 17 - t2 - 01 Qui a metà Agosto si svolge la sagra del caplaz (cappellaccio di zucca), in occasione della quale le donne zdore del paese ne producono migliaia, e li servono alla buona in stand all’aperto allestiti per l’occasione sul campo sportivo del paese. Vale la pena visitare il Castello di Poggio Renatico dalle origini Medievali, o ciò che ne resta dopo il terremoto del 2012.

tappaTAPPA 3: Mantova

Prodotto tipico: Tortelli

itinerario 17 - t3 - 01 La zucca ci porta anche inevitabilmente nel Mantovano, poiché la tradizione culinaria legata alla zucca, varca i confini amministrativi del territorio regionale. A Mantova però i tortelli sono composti con la zucca ma assieme a mostarda di mele ed amaretti, ingredienti che delineano caratteristiche decisamente rappresentative di differente territorio e cultura. Mantova è un’altra città con un ricco castello, anch’esso opera di Bartolino da Novara, che ospitò dopo le nozze con Francesco II Gonzaga, Isabella d’Este, grande figura del Rinascimento che circondandosi di artisti e letterati dell’epoca, fece della corte Gonzaga un importante fulcro per la cultura dell’epoca.

Possono interessarti:

Prodotti tipici

Zucca

Storie in tavola

2016-12-05T18:29:01+00:00