Tipici di Gusto – Ist. Agrario Alberghiero Presta Columella Lecce (LE)

Home/Articoli Scuole/Tipici di Gusto – Ist. Agrario Alberghiero Presta Columella Lecce (LE)

Tipici di Gusto – Ist. Agrario Alberghiero Presta Columella Lecce (LE)

Tutti noi ricordiamo il profumo e il sapore di un particolare cibo, pensiamo al sugo della nonna, ad esempio. D’ altra parte, l’ olfatto e il gusto sono i nostri sensi remoti, quelli che l’ uomo primitivo possedeva in modo più affinato e che gli consentivano di scegliere ciò che è sano da ciò che è nocivo. È anche vero, però, che non sempre è facile trovare le parole per descrivere le proprie sensazioni e trasmettere le emozioni che un particolare cibo può evocare. E allora chi meglio di un’ esperta, la dott.ssa Elisabetta De Blasi, che possa insegnare a un gruppo di giovani studenti a scrivere di cibo? L’esperimento comincia con un’attività singolare: degustiamo la mela cotogna, un frutto rustico da cui si ricava la famosa cotognata leccese!

Prima però un po’ di teoria: senso, significato, segno, immagine, esperienza, tutti concetti triti e ritriti, studiati dalle scuole elementari, e che oggi, tuttavia, acquisiscono un diverso spessore, diventano strumenti per scrivere di cibo in modo evocativo, persuasivo, seduttivo.

È strano scoprire che le metafore, le sinestesie, le perifrasi e l’ onomatopea non sono solo figure retoriche usate dai poeti; costituiscono i mezzi più efficaci a cui il nostro registro linguistico ricorre per comunicare e convincere chi legge la scheda di un prodotto o la ricetta di un piatto. Eppure di pubblicità ne abbiamo vista tanta sin da piccoli e sappiamo bene quanto sa essere accattivante e suscitare in noi quel desiderio che ci porta a dire: “Lo voglio!… Lo compro!”
Studiamo un po’ di marketing e impariamo meglio a far scatenare l’ acquolina in bocca a chi si avvicina per la prima volta ai nostri prodotti tipici. Utilizziamo anche internet per attingere utili informazioni da rielaborare e maneggiare con cura per raggiungere il nostro scopo: descrivere il prodotto, elaborare un itinerario del gusto, raccontare la storia del produttore e, infine, illustrare la ricetta.

E il metatesto? Questo sconosciuto! Bisogna arricchire la scrittura con tante immagini, fotografie che conquistino l’unico senso che l’uomo sembra sapere ancora utilizzare: la vista!

GLI ALUNNI DELLA IV A – ISTITUTO AGRARIO ALBERGHIERO PRESTA COLUMELLA – LECCE (LE)

2016-06-08T12:48:39+00:00

About the Author: