Squacquerone

Il prodotto:

Nome in italiano: Squacquerone D.O.P.
Nome in dialetto: Squaquaron

Sintesi:

Lo Squacquerone, è un prodotto caseario originario dell’Emilia-Romagna che nel 2012 ha ottenuto la certificazione DOP (denominazione di origine protetta).

Label: Antica produzione, in produzione.

ico-naturaNatura

Lo Squacquerone di Romagna DOP viene realizzato con il latte intero di sola Frisona italiana, Bruna Alpina e Romagnola, che sono state nutrite con almeno il 60% di insilati e foraggi.
Il latte viene riscaldato ad una temperatura di 38-40°C, e quindi vi si aggiunge il caglio, che permette di ottenere la cagliata che va mantenuta ad una temperatura costante. Quindi se ne esegue la rottura, si espelle il siero e si pone la cagliata negli stampi per lasciar colare ulteriormente il siero e conferirgli la tipica forma.
Infine si colloca il prodotto in un ambiente molto caldo e con alta umidità per la breve maturazione, la quale solitamente dura 4 gg.

ico-culturaCultura del territorio

Lo squacquerone di Romagna DOP è un formaggio a pasta molle che fin dall’epoca romana, veniva prodotto e consumato nell’ambiente rurale dove i contadini lo mangiavano soprattutto nel periodo invernale, quando era maggiore la possibilità di conservarlo. Malgrado le origini umili lo Squacquerone era molto apprezzato anche dalle classi alte come i nobili e clero. Un accompagnamento tipico per questo latticino, soprattutto in territorio romagnolo, è con le classiche tigelle e la piadina romagnola IGP. In Emilia Romagna è abbinato con il Parmigiano Reggiano, miele, confetture e frutta come fichi caramellati.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

A confronto con altri formaggi è poco calorico (circa il 20%-25% di grassi a seconda del latte) ed è ricco di calcio, di potassio, sodio e anche fosforo. È inoltre ricco di vitamine B1, B2, PP ed A.
Valori Nutrizionali indicativi per 100g:
Calorie 256 kcal; Proteine 13 g; Carboidrati 1,6 g, Grassi 22 g.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

Lo Squacquerone si presenta con un colore bianco madreperlaceo privo di crosta e morbido al tatto con un gusto dolce ed una punta acidula. Grazie alle stampo dove viene posto e alla gravità, durante la breve stagionatura, assume una forma rotondeggiante. E’ un formaggio molle e cremoso adatto ad essere spalmato o mangiato al cucchiaio.

L’articolo è stato creato da: Andrea Fontanelli, Gianandrea Graziani e Manuel Fusaro.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Itinerari

2017-05-18T16:39:15+00:00

About the Author: