Sponsale

Il prodotto:

Nome in italiano: Sponsale o cipolla porraia

Nome in dialetto: ù sprnzal

Sintesi:

La cipolla porraia appartiene alla famiglia delle Liliacee e si ottiene dal bulbo della cipolla piantato in estate (e non da seme o da germoglio come la cipolla) ed è praticamente una cipolla raccolta prima dell’ingrossamento. La produzione di sponsali è di nicchia. Spesso vengono venduti o confusi con i porri (allium ampeloprasum) ma sono due cose completamente diverse.

Label: Antica coltivazione, in coltivazione.

ico-naturaNatura

È una pianta erbacea, della famiglia delle Liliacee, a ciclo biennale che diventa annuale in coltivazione. Gli sponsali o cipolle porraie sono bulbi che si piantano in estate che vengono raccolti prima che la parte della cipolla si ingrossi; da ogni bulbo nascono 3-5 sponsali; molto simile al porro Allium Ampeloprasum, in realtà è molto diverso per via del colore delle foglie e per la loro le caratteristica conformazione tubolare che forma una specie di fusto, a differenza di quelle del porro che sono piatte.

ico-culturaCultura del territorio

Molto utilizzato nella cucina povera contadina, ancora oggi lo si trova nei piatti della gastronomia tipica salentina, come una delle erbe più utilizzate per esaltare il sapore delle pietanze con il suo gusto particolare.
Nella cucina contadina viene utilizzato come contorno ai legumi è consumato sia crudo che cotto.
Il contadino, nelle sue dure giornate di lavoro soleva mangiare CIPUDDHA,OSSIA LU SPUNZALE CRUDO COL PANE, non avendo altro companatico. Da lì un vecchio proverbio, o meglio un umile consiglio, dice: è meju manci pane e cipuddha! ovvero ‘è meglio se mangi pane e cipolla’, lasciando sottintesa l’altra parte della frase – invece di sperperare denaro per qualche boccone prelibato. Questo è il senso: è un’ esortazione a condurre una vita semplice, all’accontentarsi di poco, senza andare alla ricerca dell’ eccesso , dell’ esagerazione.
Sponsale è un termine dialettale che indica i bulbi piccoli con la loro parte verde, dal sapore spiccatamente dolce.“Sponsali” viene da “sposalizio” in quanto la pizza rustica ripiena che si produce con questi cipollotti, tempo addietro si mangiava in occasione della “promessa di matrimonio”
(sponsalia) in cui i futuri sposi si impegnavano pubblicamente e nel corso di una festa, a concretizzare la loro unione anche giuridicamente, oltre che affettivamente.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

La cipolla porraia o sponsale è complessivamente un’orticola povera dal punto di vista nutrizionale formata da una notevole quantità di acqua di vegetazione, una modesta quantità di fibra e una appena maggiore presenza di carboidrati. Non contiene grassi.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

Alla vista si presenta con coste di colore verde, internamente vuote, con sfumature bianche sul fusto, che finiscono con un bulbillo di cipolla.
Rivela sentori di campagna e aromi erbacei che ricordano la cipolla fresca. Gustandolo si riconoscono gli aromi di orto campagnoli e un delicato sapore di cipolla con bassa instensità e persistenza.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Itinerari

2016-12-05T18:29:17+00:00