Ricotta forte

Ricotta forte

Il prodotto:

Nome in italiano: Ricotta forte

Nome in dialetto: Ricotta scante, scanta, ascuante

Sintesi:

E’ tipico della Puglia centro-meridionale e Basilicata. Si tratta di un prodotto caseario morbido, spalmabile, a lunga conservazione.

Label: Antica produzione, in produzione.

ico-naturaNatura

Si tratta di un prodotto caseario, derivato dalla ricotta fresca di pecora, che nasce dall’esigenza di conservarla più a lungo.
Stagionalità: si produce durante tutto l’anno, prevalentemente da ottobre a maggio.

ico-culturaCultura del territorio

Per preparare la ricotta forte bisogna prima realizzare il formaggio fresco, unendo latte di pecora a temperatura controllata, caglio e sale. L’avanzo della lavorazione del formaggio, ovvero il siero viene sottoposto ad una seconda cottura (viene appunto “ri-cotto”) in modo da ottenere la ricotta di pecora vera e propria. Il prodotto così ottenuto viene schiacciato ricavandone un composto di consistenza semi-molle e posto in recipienti chiusi di terracotta, dove viene rimescolato quotidianamente fino alla completa acidificazione.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

La ricotta forte ha 250 kcal per 100 g, ma il suo sapore molto piccante e intenso permette un utilizzo minimo, dunque il contributo calorico diventa quasi trascurabile. Il suo sapore molto particolare, non incontra il gusto di tutti.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

E’ un formaggio spalmabile di colore bianco avorio. Ha una consistenza molle, ma a pasta compatta, omogenea, spugnosa e appiccicosa.
Ha un odore proteico lattico , con intensità pungente e un gusto modestamente amaro e moderatamente piccante e astringente. Dal punto di vista aromatico sono percepibili sentori animali marcati, lunghi e persistenti nella parte retronasale tipici del latte di pecora.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Caseificio DB

2016-12-05T18:29:17+00:00