Puddica

Il prodotto:

Nome in italiano: Puddica brindisina

Sintesi:

“La Puddica” è una focaccia tipica del brindisino, molto semplice ma caratteristica.

Label: Antica produzione, in produzione.

ico-culturaCultura del territorio

Pare che il nome venga dal latino pollex, ovvero pollice, da cui deriverebbe anche il verbo salentino puddicare, ovvero lavorare la massa, impastarla, con l’aiuto dei pollici e più in generale con il pugno chiuso. Ne esiste una versione ripiena, ma quella originale è semplice. E’ un prodotto dell’arte bianca a base di farina tipo ‘0’, impastata semplicemente con olio evo, lievito di birra e acqua. La doppia lavorazione dell’impasto, prima e dopo la lievitazione la rende particolarmente soffice. La massa lievitata viene cotta in forno e condita in superficie con verdure, di solito pomodoro.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

E’ presente glutine e quindi la puddica non è adatta a chi ne è allergico. Alto il contenuto di carboidrati, essendo fatta principalmente di farina. Se viene realizzata con olio extravergine apporta una certa quantità di acidi grassi monoinsaturi, una piccola parte di acidi grassi saturi e una minima parte di acidi grassi polinsaturi. L’aggiunta di pomodoro apporta una certa quantità di licopene.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

La forma della puddica è rotonda e tipica della focaccia pugliese.
La consistenza è soffice dentro e croccante fuori, l’aspetto è dorato dovuta alla cottura ad alta temperatura che grazie all’amido danno il tipico colore. Al naso si presenta con un profumo di origano e con un gusto dolce sostenuto da stimoli aciduli grazie alla presenza del pomodoro.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Itinerari

Ricette

Puddica

2016-12-05T18:29:17+00:00

About the Author: