Oliva nolca

Oliva nolca

Il prodotto:

Nome popolare: Lu cilìnu

Nome scientifico: Oleae europaea sativa, varietà Cellina di Nardò

Nome in italiano: oliva Nolca detta anche Dolce Tonda.

Nome in dialetto (dell’oliva): Muredda, Saracina, Scurranese.

Sintesi:

Varietà tipica del Nord-Barese (Andria, Bisceglie, Corato, Molfetta, Terlizzi). Utilizzata prevalentemente come oliva da mensa. Il frutto ha un peso medio di 2-3 grammi, ha una forma tipicamente tondeggiante e una colorazione, a maturità, nero intensa e una gradezza della drupa di circa 2 cm.

Label: Antica coltivazione, in coltivazione.

ico-naturaNatura

Famiglia Oleaceae, genere Olea, specie Europea, sottospecie Sativa. E’ una varietà molto precoce con periodo di raccolta concentrato nel mese di Settembre. L’albero ha dimensioni medie con chioma folta. Il frutto è quasi una sfera perfetta, da cui il suo nome DOlce Tonda, di colore nero lucente con polpa chiara sfumata di rosso. La dolcezza di questa varietà, dovuta alla modesta sintesi della oleuropeina la rende gradevole anche cruda se ben matura.

ico-culturaCultura del territorio

Questa varietà, insieme alla Dolce Lunga (Pasola), ha da sempre rappresentato, accompagnata da una fetta del nostro pane casereccio, il pasto dei nostri contadini quando anticamente, con i loro traini (carri trainati da cavalli o muli), si recavano nelle campagne per i lavori stagionali. L’utilizzo di queste due varietà è sempre stato legato alla caratteristica di avere uno scarso contenuto dell’alcaloide amaro tipico delle olive (oleouropeina) che consente il loro impiego senza particolari trasformazioni. Attualmente, nella
nostra zona, è raramente coltivata in impianti specializzati infatti non ha avuto una grande diffusione e i suoi usi sono circoscritti a quelli famigliari.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

La Nolca, come tutte le olive, ha un elevato contenuto di lipidi energetici (trigliceridi) composti da acidi grassi prevalentemente monoinsaturi (acido oleico). Questo ha effetti positivi sul metabolismo del colesterolo con conseguente riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, ha un elevato potere antiossidante, stimola l’appetito e la digestione.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Itinerari

2016-12-05T18:29:12+00:00

About the Author: