Oliva Majatica di Ferrandina

Home/Prodotti tipici/Prodotti tipici Basilicata/Oliva Majatica di Ferrandina

Oliva Majatica di Ferrandina

Il prodotto:

Nome popolare: Oliva Majatica di Ferrandina detta anche maggiatica o gentile di Matera

Sintesi:

La superficie olivetata del sud Italia, presenta colture da olive da mensa e da olio o con entrambe le vocazioni, come nel caso dell’olivo da cui si ricava Majatica che ha mostrato di potersi adattare anche in areali diversi da quello di origine. Il portamento della pianta è assurgente,chioma media e alta vigoria, le foglie sono di forma ellittico-lanceolate ed hanno una lunghezza media minore di 5 cm; le infiorescenze presentano un numero abbastanza basso, minore di 18 fiori, che spesso in una certa percentuale cadono. La drupa ha una buona resa in olio (20%-23%), se raccolta a completa invaiatura può essere cotta in forno e consumata come prodotto da mensa.

Label: Antica coltivazione, in coltivazione.

ico-naturaNatura

Cultivar autofertile. Si avvantaggia della presenza di eventuali impollinatori, La produttività è abbastanza elevata. Presenta portamento assurgente ma rami penduli; la chioma è folta, con buona vigoria e capacità rizogena. Mignola di medie dimensioni.

ico-culturaCultura del territorio

Le olive, raccolte a completa invaiatura, ovvero quando sono mature e di colore nero, vengono poi approntate per essere mangiare. La drupa si presta ad un consumo diretto perchè è polposa con un nocciolo ridotto. Innanzitutto sono scottate in acqua bollente per pochi minuti, per stemperare il caratteristico sapore amaro, dovuto alla presenza naturale dell’oleuropeina, quindi scolate e lasciate sotto sale, finchè non appaiono parzialmente disidratate grazie all’azione idrofila del sale. Infine vengono riposte in appositi essiccatoi, che simulano la cottura di una volta nei forni a legna, ora non più praticata. Possono essere servite semplicemente da sole o condite con aglio o finocchietto, o scorze di agrumi. A tavola si accompagnano negli antipasti ai salumi ed ai pecorini stagionati, ma vengono impiegate anche nell’insalata di arance, nella zuppa di zucca gialla oppure con il baccalà umido.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

Buona percentuale di acido oleico e bassa presenza dei fenoli totali. Il rapporto acidi grassi insaturi – acidi grassi saturi presenta valori medio-alti. I valori delle percentuali di ß-sitosterolo e del rapporto ß-sitosterolo/ D-5 avenasterolo sono bassi.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

L’oliva  maiatica alla vista si presenta tra il marrone scuro e il color antracite, di aspetto disidratato rivela evidenze di sale residuo dovuto alla preparazione. Al tatto appare esternamente dura, mentre all’olfatto ricorda l’olio e anche in bocca ripete le stesse sensazioni unitamente ad un amaro spiccato che lascia la bocca pulita. La consistenza apprezzata in bocca rivela una certa durezza, una media fibrosità ed una discreta elasticità.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

2016-12-05T18:29:11+00:00

About the Author: