In giro per la Bassa alla ricerca dei sapori con una storia vera

Home/Itinerari del gusto/Itinerari del gusto Emilia-Romagna/In giro per la Bassa alla ricerca dei sapori con una storia vera

In giro per la Bassa alla ricerca dei sapori con una storia vera

L’itinerario: Mirandola – San Possidonio – San Felice sul Panaro

Una mela antica, e due preparazioni che parlano di comunità

Il tour serve ad apprezzare alcuni sapori della pianura modenese che si possono raggiungere seguendo la natura incontaminata dalle siepi spontanee protette di Novi fino alle valli mirandolesi in un mondo incantevole per le passeggiate per poi apprezzare nelle varie città sagre e castelli.

Mezzi consigliati: In macchina e a piedi, in moto e a piedi.

In giro per la Bassa alla ricerca dei sapori con una storia vera

tappaTAPPA 1: Mirandola

Prodotto tipico: Maccheroni al pettine

itinerarario 20 - t1 - 01 La Festa del maccherone al pettine, coincide con la Fiera di luglio, appuntamento classico dell’estate mirandolese. L’evento, organizzato dal Comune, in collaborazione con il Consorzio di promozione del centro storico e alla Società di Francia Corta, prevede diverse iniziative per tutti, incentrate sulla buona tavola e sui sapori del territorio. A ottobre invece, nelle valli mirandolesi si svolge il Palio del Pettine, una gara gastronomica che mette in competizione le frazioni, che si contendono il riconoscimento per il miglior ragù.

tappaTAPPA 2: San Possidonio

Prodotto tipico: Mela campanina

itinerario 20 - t2 - 04 Nel secondo dopoguerra la coltivazione della campanina è stata pian piano sostituita da quella di mele più commerciali ma alcuni agricoltori la coltivano ancora per la sua alta conservabilità. Nel periodo di ottobre si svolge la sagra di questo prodotto a San Possidonio, dove lo si potrà apprezzare anche attraverso la “Strada dei Vini e Sapori” conoscendo le varie aziende produttrici.

tappaTAPPA 3: San Felice sul Panaro

Prodotto tipico: Salame di San Felice

itinerario 20 - t3 - 01 Il Salame di San Felice prodotto tipico di San Felice può essere gustata nella Sagra a lei dedicata e presso le poche aziende che la producono.
Dopo aver degustato il prodotto si può fare un giro nel centro del paese dove emerge la Rocca. Un tempo era un castello medievale fortificato come testimoniano già nel X secolo fonti archivistiche e archeologiche, ma rimane visibile oggi, in tutta la sua imponenza e bellezza, solo la Rocca, che era stata realizzata all’interno del complesso fortificato tra il Trecento e Quattrocento dal Marchese Obizzo d’Este.

Possono interessarti:

2016-12-05T18:29:01+00:00

About the Author: