Burrata

Il prodotto:

Nome popolare: Burrata

Nome in italiano: Burrata

Nome in dialetto: Burrata

Sintesi:

Prodotto tipico del nord-barese (generalmente tra Andria e Corato), viene utilizzata freschissima e realizzata con latte di vacca. Deriva dall’unione di pasta di mozzarella sfilacciata e panna, inserite della tipica sacca di pasta di mozzarella. Solitamente il peso varia tra i 100 g e i 500 g, ma è possibile produrne di più grandi, il suo colore caratteristico è bianco avorio.

Label: Antica produzione, XX secolo. In produzione.

ico-naturaNatura

La Burrata è un latticino e viene prodotta a partire dal latte di vacca, essenzialmente di Vacca Bruna che in Puglia ha soppiantato anni orsono, la Podolica locale. Solitamente nei caseifici viene utilizzato latte pastorizzato e raramente viene utilizzato il sieroinnesto per questa lavorazione. In particolare la Burrata è una composizione di pasta di mozzarella sfilacciata, addizionata di panna e inserita in una sacca con testina, fatta con la stessa pasta della mozzarella, e presenta quindi diverse consistenze in un unico prodotto. Il risultato è un latticino freschissimo che va consumato nel giro di pochi giorni.

ico-culturaCultura del territorio

Pare che la Burrata sia stata inventata dal Sig. Lorenzo Bianchino nel febbraio 1956 presso la masseria Piana Padula. Avendo una certa quantità di panna in eccedenza, e non potendo trasportarla o distribuirla a causa della neve, il sig. Bianchino ebbe l’idea di creare una specie di fiasco di pasta di mozzarella per conservarvi all’interno, con la panna, la mozzarella sfilacciata (detta stracciatella). Il prodotto, molto saporito e appetitoso, ebbe subito un grande successo.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

Il prodotto si presenta con una forma caratteristica a sacco, con un diametro tra i 6 e 12 mm e il peso è variabile tra i 100 g e 500 g. Il colore caratteristico è bianco avorio. La pasta, invece, si presenta esternamente compatta, liscia ed omogenea mentre internamente è filamentosa, moderatamente spugnosa e burrosa. Il suo profumo caratteristico è lattico con un’intensità fine e un gusto sapido con aroma persistente di latte fresco, delicato e molto gradevole. Al tatto il sacco è tenace e sostenuto grazie al suo spessore molto variabile.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Itinerari

2016-12-05T18:29:12+00:00

About the Author: