Bietola da coste

Bietola da coste

Il prodotto:

Nome in italiano: Bietola da coste

Nome in latino: Beta vulgaris L. var. cycla (L.) Ulrich;

Sintesi:

Un ortaggio versatile, povero di calorie ma ricco di virtù, tutto da scoprire. Rimineralizza il corpo e contiene l’inulina, adatta a favorire un ambiente positivo per i batteri intestinali. In cucina si adatta a molti piatti anche grazie alla delicatezza del suo sapore.

Label: Antica coltivazione, in coltivazione.

ico-naturaNatura

Particolarmente consumata nel periodo invernale (settembre-marzo), la “Bietola da coste” (detta bida o bieta) è un ortaggio molto adattabile, senza particolari necessità, che si sviluppa anche spontaneamente in climi preferibilmente miti e terreni sabbiose e argillosi, tipici dell’area mediterranea. Deriva, come probabilmente tutte le sue simili, da una lunga evoluzione della Beta Maritima (una barbabietola selvatica) quindi è facile trovare varie specie differenti.

ico-culturaCultura del territorio

Forse la sua disponibilità a livello selvatico ha facilitato la raccolta e l’utilizzo in cucina per l’alimentazione soprattutto contadina. Nelle tavole di campagna viene utilizzata in associazione con le fave o come ripieno per in preparazioni tradizionali di massa lievitata, simili alla pizza.
Studi storici dicono che il suo sviluppo e utilizzo parte sin dai popoli romani (che condivano le loro foglie con olio e aceto) per poi raggiungere le cucine della Germania e della Francia nel 1747.

ico-nutrizionaliProprietà nutrizionali

È un alimento particolarmente ricco di Sali minerali quali Sodio, Magnesio, Potassio, Calcio e vitamine. È ricco di inulina un pre-biotico che permette di creare un contesto positivo per i batteri intestinali. Le calorie presenti nel prodotto cotto sono pari a 36 kcal su 100 g,mentre su quello crudo sono di 17 Kcal su 100 g. È consigliato mangiarla cotta.

ico-profilosensorialeProfilo sensoriale

La bieta da costa si presenta in maniera visiva di colorazione verde scuro,tipico della clorofilla,con sfumature che vanno dal verde chiaro fino ad un tenue verde erba. Ha un aspetto simile ad un ciospo compatto di coste bianche dall’aspetto rigido e da foglie verdi più tenere.
All’olfatto si percepisce una sensazione che richiama l’odore di erba tagliata tendente all’umido.
Ha una consistenza leggermente croccante al tatto ed una compattezza abbastanza rigida.
Le sensazioni gustative sono umami e si nota una moderata astringenza completata da note di clorofilla.

Geolocalizzazione

Possono interessarti:

Storie in tavola

Azienda Agricola Agrilarosa

Itinerari

2017-02-08T18:08:12+00:00